WeEAT-Cilento: Struffoli salati in brodo

Gli struffoli sono noti, soprattutto nel sud Italia, come dolce natalizio. A seconda delle zone li si prepara piccoli e croccanti o più corposi e morbidi, per poi guarnirli con miele e frutta candita, oppure miele e confettini o ancora miele e noci.

Un dessert che accompagna le feste da sempre e che nel Cilento qualcuno prepara anche in versione salata meno conosciuta eppure squisita.

Gli struffoli salati sono un piatto povero che richiede pochi e semplici ingredienti ma che appaga e fa fare un salto nel passato, riportando la mente a quando le nonne preparavano il brodo di gallina alle puerpere e lo arricchivano con gli struffoli salati per renderlo più sostanzioso, perché era convinzione condivisa che il brodo facesse “latte” ovvero aiutasse le neomamme nella produzione di latte per i loro neonati.

Al di la del ricordo della tradizione e della veridicità o meno delle credenze passate ad esso collegate, il piatto in inverno è un toccasana energizzante e di successo per di più molto gustoso, che in molte case si prepara ancora e che vale la pena assaggiare.

La ricetta

Ingredienti per gli struffoli salati:

500 grammi di farina di tipo 0, mezzo bicchiere di olio di semi, tre uova intere, un pizzico di sale, un cucchiaino di pane degli angeli.

Ingredienti per il brodo:

3 Carote, sedano, olio d’oliva, sale ( a piacere si può aggiungere carne di gallina o pollo).

Preparazione degli struffoli salati:

Disporre sulla spianatoia la farina a fontana, aggiungere al centro le tre uova intere, un pizzico di sale, l’olio e il pan degli angeli. Quindi amalgamare il tutto portando al centro gradualmente la farina e poi impastare fino a formare un panetto dalla consistenza media. Con l’impasto creare dei filoncini che andranno poi tagliati a dadi. La procedura va ripetuta fino a quando non sarà stato utilizzato tutto l’impasto. A questo punto gli struffoli vanno fritti in abbondante olio d’oliva e riposti su carta assorbente prima di essere versati nel brodo.

Preparazione del brodo:

Il brodo della tradizione si prepara mettendo a bollire in una pentola piena di acqua un cosciotto di gallina o pollo insieme a tre carote, del sedano, sale e olio di oliva. Ma in molti optano per la versione vegetariana senza carne.

Quando il brodo sarà pronto vi si verseranno gli struffoli che bolliranno per 5-7 minuti, per poi essere messi nel piatto e serviti caldissimi, aggiungendo a piacere peperoncino piccante.